da Vespasiano a Commodo

Timeline created by Ema80
In History
  • Period:
    79
    to
    81

    Vespasiano

    Vespasiano fu il primo principe a non provenire dall'aristocrazia, poiché apparteneva alla classe dei cavalieri.
    Vespasiano promosse una politica di moderazione finanziaria, voleva risanare il bilancio, ci riuscì, riuscì anche ad avviare la costruzione di grandi lavori pubblici dando inizio alla costruzione del più grande anfiteatro del mondo, L'anfiteatro Flavio (il Colosseo)
    Morì di morte naturale, gli succedettero i figli Domiziano e Tito.
    Tito governò dal 79 al 81.
  • 80

    Costruzione anfiteatro Flavio (Colosseo)

    Il Colosseo, dal latino Colòssèo (colosso) è il più grande anfiteatro del mondo.
    la costruzione è iniziata nel 72, è stato inaugurato nel 80.
  • Period:
    81
    to
    96

    Domiziano

    Domiziano era un imperatore autoritario e crudele. Sotto il suo regno ci furono varie persecuzioni e processi contro aristocratici e filosofi.
    Ad esempio, vari scrittori, come Tacito, furono messi a tacere.
    Domiziano discendeva da una famiglia di soldati, infatti Domiziano si dedicò in particolare all'addestramento dei soldati e condusse personalmente varie spedizioni militari, sottomise la Germania superiore e quella inferiore cercò anche di sottomettere la Dacia ma non ci riuscì.
  • Period:
    96
    to
    98

    Nerva

    I congiurati che avevano assassinato Domiziano si accordarono con il senato per eleggere imperatore un anziano e autorevole senatore, Nerva.
    Essendo conscio di essere anziano adottò quello che poi sarà il suo successore, il più prestigioso generale dell'epoca, Ulpio Traiano.
    Il sistema dell'adozione fu adottato da tanti imperatori in quanto permetteva di evitare congiure di palazzo, questo sistema permetteva anche di portare sul trono uomini scelti per le loro capacità.
  • Period:
    98
    to
    117

    Traiano

    Traiano era un bravo generale con cui l'impero romano aveva raggiunto la sua espansione maggiore, Traiano aveva conquistato la Dacia che era molto importante per l'estrazione dell'oro, il quale era usato per fare le monete di più grosso taglio.
    Sconfisse anche i Parti e sottomise la Mesopotamia.
    Traiano si dedicava anche alla costruzione di varie opere pubbliche, fece costruire il Foro di Traiano, i Mercati traianei, davanti ad essi fece erigere una colonna trionfale, la Colonna traiana.
  • 113

    Costruzione della Colonna Traiana

    La colonna Traiana è un monumento celebrativo di Traiano, è alta 17 metri ed è stata inaugurata nel 113 d.c.
  • Period:
    117
    to
    138

    Adriano

    Adriano era un nipote di Traiano.
    Adriano era un filosofo, un uomo acculturato ma fu anche un ottimo amministratore, si focalizzò sulla politica interna, pensava che sarebbe stato troppo difficile governare tutti gli stati conquistati, quindi rinforzò i confini.
    Adriano però si preoccupava della vita delle popolazioni sottomesse, infatti nei suoi 20 anni di governo fece vari viaggi di ispezione nei quali cercò di migliorare la qualità della vita dei sudditi.
    Regnava un clima di pace.
  • Period:
    138
    to
    161

    Antonino Pio

    Antonino Pio, imperatore saggio era stato adottato da Adriano.
    l'epiteto pius gli venne attribuito per il sentimento di amore filiale che manifestò nei confronti del padre adottivo che fece divinizzare.
  • Period:
    161
    to
    180

    Marco Aurelio

    Marco Aurelio era un filosofo come Adriano e Antonio.
    Da Marco Aurelio in poi la stabilità dell'impero cominciò a vacillare, nonostante fosse un bravo imperatore durante gli anni in cui governò
    scoppiò una epidemia, il vaiolo, che fu la causa della morte di milioni di persone,inoltre varie popolazioni dei territori conquistati da Roma cominciavano a sconfinare, ad esempio i germani arrivarono fino ad Aquileia dove però furono fermati nel 166 d.c.
    Marco Aurelio morì di peste nel 180 d.c.
  • Period:
    180
    to
    192

    Commodo

    A Marco Aurelio succedette il figlio diciannovenne Commodo, adottò atteggiamenti autocratici, cercò di ottenere il favore del popolo esibendosi come auriga nel circo o come gladiatore nel Colosseo.
    il suo comportamento non era apprezzato dal senato, ma non era apprezzato neanche fra i soldati, inoltre ignorava i problemi economici dello stato e continuava a sperperare le risorse fiscali.
    Nel 192 morì durante una congiura.